È sublime vivere e non c’è niente di meglio nella vita che sentirsi appartenere profondamente ad essa e sentire… che lei appartiene profondamente a noi! Sentire che ogni forma di separazione scompare in quella semplice sensazione di appartenenza reciproca… appartenenza che ti fa godere del grande mistero che essa rappresenta, con totale fiducia, con divertimento e… soprattutto… sentendone la magia accarezzarti il volto e scompigliare i capelli al vento.

Quella magia che basta scorgere un attimo dietro al velo per sentirsi profondamente grati e gioiosi nel poter affermare che in questo momento… noi stiamo esistendo, semplicemente. Come un piccolo fiore che schiude i suoi petali al sole e gode del suo esistere in questo momento. Come un neonato che nel semplice nutrirsi del seno della madre sente tutto l’amore dell’esistenza che lo abbraccia e accoglie completamente.

Ed è in questo stato di consapevolezza che si può provare la gioia pura del cuore, quella piccola stella incastonata in mezzo al petto che ti fa comprendere che adesso c’è tutto quello che c’è… e tutto quello che c’è è semplicemente tutto quello di cui adesso abbiamo profondamente bisogno. In questa primavera del cuore, l’Universo smuove le sue forze per darti tutto quello che sei chiamato ad essere… e ad essere l’essenza di tutto quello che la tua Anima anela in questo preciso istante. Sia esso per i nostri occhi molto o meno bello, la tua Anima sta semplicemente anelando a quello, ti sta semplicemente chiedendo di prenderle la mano e cavalcare insieme a lei, ti sta chiedendo… di fidarti di ciò che sta provando a dirti e di provare con tutto te stesso a cogliere i segnali impercettibili che ti manda senza cercare di interpretarli a tuo piacimento.

Ti chiede di fluire e di sbarazzarti di ogni resistenza con un semplice atto di profonda fede nei suoi confronti. E ancora ti chiede di provare e riprovare finchè non riesci nel tuo tentativo, dicendoti di non darti la colpa per quello in cui ancora non riesci, ma semplicemente di guardare a quello in cui non riesci con divertimento e aprendo il tuo cuore alla magia che tutto fa accadere, ti sussurra di rilassarti nell’amore di Dio e di lasciar muovere a lei i tuoi passi. Infatti ti sta chiedendo proprio adesso di entrare nel flusso e lasciare che sia lei a mostrarti il sentiero e quei passi da seguire.

E questo è tutto quello che dobbiamo fare, tutto quello che possiamo scegliere di donarsi, soprattutto quando tutto sembra incartarsi prendendo una forma caotica… il semplice sentirla, questa vita. Sentirla nel momento in cui ti fermi una mezzora e te la fai scorrere tra la pelle e sussurrare la tua verità all’orecchio.

Ed è semplicemente sublime quando riesci a scorgerne il canto dell’esistenza che ti sta invitando a celebrare insieme a lei. E ancor di più lo è è quando ti fa accettare tutto quello che c’è, perchè ti mostra davanti agli occhi che in realtà qualcosa da accettare non è mai esistito. E ancor più di tutto lo è poterne cogliere l’essenza in un abbraccio sincero o nei tuoi occhi riflessi altrove. Ed è semplicemente meraviglioso viverla e sentire la profondità dietro il canto dell’esistenza che ti bussa e spalanca le porte del cuore.