Il 21 del mese in tutto il mondo

UTC: 1.00 / 10.00 / 20.00 (Italia: 2.00 / 11.00 / 21.00)

Clicca sugli orari per vederli nella tua ora locale.
A seconda del tuo fuso orario la meditazione potrebbe tenersi il giorno precedente o quello successivo.
In qualsiasi giorno/orario scegli di meditare, usa l'intento per connetterti al campo!

Per seguire la meditazione dal vivo visita la nostra pagina dei live-streaming al giorno e ora della meditazione.
Se la meditazione dal vivo non fosse disponibile o se volessi farla in un orario diverso, qui sotto trovi la versione registrata.

Questa meditazione è perfetta se preferisci meditare con una guida, contiene sia momenti guidati che momenti di silenzio e va bene sia che tu voglia donare o ricevere guarigione.

Puoi unirti al cerchio sia per ricevere che per donare guarigione. Durante la stessa sessione puoi dare e ricevere guarigione a momenti alterni, oppure ricevere in una sessione e dare in quella successiva.

Ognuno è libero di praticare come preferisce, si consiglia però di rispettare questi 3 momenti:

  1. 3 minuti di connessione e creazione del cerchio (o vasca di guarigione)
  2. 15 minuti per donare/ricevere. Puoi invitare all’interno del cerchio, con il tuo intento, anche altre persone per dare loro guarigione.
  3. 3 minuti di connessione e chiusura del cerchio

In questa pagina trovi vari audio che puoi utilizzare, alcuni con una guida vocale e altri solo con musica e la scansione dei 3 momenti.

Questa meditazione è perfetta se preferisci meditare in silenzio, contiene solo le indicazioni minime per il rispetto dei tempi e va bene sia che tu voglia donare o ricevere guarigione.


Meditazione per ricevere guarigione

Questa meditazione è perfetta se stai vivendo un momento di sofferenza intensa e desideri solo ricevere guarigione, contiene momenti guidati e pochi momenti di silenzio (se vuoi meditare silenziosamente usa la “meditazione silenziosa” più sopra).

L’uso dei simboli e dei suoni è uno dei pilastri di tutte le operazioni “magiche”. Il simbolo, tracciato con un intento preciso e associato ad un suono è un collettore di energia sottile in grado di fare da ponte tra il piano spirituale e quello materiale.

Se vuoi approfondire questi concetti a un livello più scientifico, studia le teorie legate alla radionica e alle onde di forma (per i più matematici, un ottimo libro è “Il Potere della Forma” di Dan Davidson).

Nel nostro caso, il simbolo che ho creato per il cerchio di guarigione serve a tenere insieme le energie che scaturiscono dal cerchio. A forza di essere usato e caricato durante i vari incontri, il simbolo può diventare un potente veicolo per tutte quelle emanazioni sottili che si andranno a stimolare. Puoi stamparlo e portarlo con te, indossarlo stampato su una maglietta, appenderlo in camera da letto, o semplicemente tracciarlo su ciò che vuoi guarire (va bene anche attaccarlo sulla parte del corpo che necessita di guarigione).

Puoi anche caricarvi dell’acqua, dei farmaci o qualsiasi altra cosa.
In questo caso stampa il simbolo su carta, poni il foglio sopra a un magnete (il alto “nord” del magnete, che puoi verificare con una bussola, è meglio che venga rivolto verso il foglio, e sopra al foglio metti ciò che vuoi caricare. Se si tratta di te stesso o di un’altra persona, ponivi una foto della persona (o un foglietto con il suo nome) e possibilmente un po’ del suo dna (basta qualche capello). Puoi anche scrivere esattamente ciò che vuoi guarire, ad es. “guarigione completa per il mio mal di denti, grazie”.
Una volta ogni 3 mesi (o quando lo senti intuitivamente) brucia tutto e se vuoi rinnova il circuito con una nuova stampa.

Ricordati però sempre che non è il simbolo stesso ad avere potere, esso è soltanto una sorta di antenna che fa risuonare nel tempo l’energia del cerchio di guarigione.

Il nostro simbolo è composto da una spirale che si avvolge su sé stessa 3 volte, in senso orario dall’esterno verso l’interno, formando un cuore al centro e quindi uscendo di nuovo all’esterno a formare un piccolo ricciolo.

Il simbolo di solito si traccia nell’aria dall’esterno verso l’interno con il palmo della mano o con la punta di un dito, ma puoi benissimo anche usare una piuma, un cristallo o una bacchetta.

Il senso di questo gesto è che la guarigione è un viaggio verso l’interno, fino al centro del cuore, e solo tale incontro ci permette di liberare finalmente noi stessi, incominciando un nuovo viaggio (il ricciolo finale).

Il mantra Bhishajya (si pronuncia Bì-scia-i-già), è una parola sanscrita che significa “medicina”, ma anche “potere di guarigione”. Il sanscrito, assieme all’ebraico e ad altra lingue minori, è una delle lingue considerate sacre sul nostro pianeta perché in grado di attivare specifici pattern vibratori che possono essere utilizzati per operazioni magiche.

Tuttavia è anche bene ricordare che qualsiasi parola, in qualsiasi lingua venga pronunciata, è un motore di energia se infusa del giusto intento: qui ho scelto di usare il sanscrito principalmente perché con il tempo desidero espandere il cerchio nel resto del mondo.

Il mantra Bhishajya si pronuncia mentalmente o a voce alta mentre si traccia il simbolo così da imprimere in esso la sua qualità vibrazionale. Il tracciamento del simbolo diventa un potente gesto magico se vi infondi amore e volontà: inizialmente traccialo lentamente immaginando che quella spirale sia il viaggio della tua Anima, dall’alto verso il centro della materia, un viaggio dove si incontra la sofferenza e l’attrito, ma che alla fine conduce al cuore aprendone la porta e avviando la trasformazione alchemica.

Scarica il simbolo per la stampa

Se impari a farti veicolo dell’energia di guarigione, canalizzandola verso altri, ti accorgerai con la pratica che ciò ti permette automaticamente di ricevere. E’ un po’ come se l’energia che stai canalizzando ti ripulisse armonizzando in te tutto ciò che ne ha bisogno. Tuttavia ci sono dei momenti in cui è più difficile farsi canali, perché magari si sta vivendo un momento di dolore intenso, o semplicemente il nostro livello vibratorio non è abbastanza alto.

In questi casi è utile scegliere di ricevere, senza sforzarsi di fare altro. Se senti una grande necessità di guarigione immagina di entrare all’interno del cerchio e lasciati inondare di luce per tutto il tempo, semplicemente aprendo il cuore a tutto ciò che arriva. Potrebbero cominciare a sciogliersi dei nodi emozionali causandoti reazioni diverse come commozione, gioia o persino paura. Lascia che tutto scorra e affidati all’energia del cerchio.

Se invece ti senti anche in grado di donare, puoi alternare i due momenti, magari cominciando ricevendo l’energia della guarigione per poi farti canale e dispensarla ad altri: puoi benissimo alternare più volte tra i due momenti a seconda di come ti senti.

Per chi non ha mai partecipato prima alla creazione di una vasca di guarigione, si tratta davvero di un processo molto semplice. Il cerchio dei partecipanti veicola energia al suo interno, proprio come se fosse acqua, riempiendo una grande vasca nella quale poi si può immergere chi o cosa vogliamo guarire.

Ad esempio, potresti:

  • Invitare a bagnarsi nella vasca una o più persone
  • Immergere nella vasca intere situazioni, magari immaginandole come scene contenute in una sfera
  • Immergervi singoli organi o parti del corpo, anche questi contenuti in delle sfere
  • Immergervi te stesso interamente, se desideri ricevere guarigione

Naturalmente ognuno è libero di immaginare e procedere in base alla propria intuizione. C’è ad esempio chi preferisce immaginare l’energia come nebbia luminosa, o come raggi di sole piuttosto che acqua. C’è chi si inoltra egli stesso nella vasca per dispensare guarigione dove serve, ponendosi a tratti in ricezione per poi tornare a donare. Rilassati e lasciati guidare dall’energia stessa.

Musica meditazione: “Inner Light” by Chris Collins

Niccolò Angeli

Sono un formatore e ispiratore in campo spirituale. Puoi trovare il mio lavoro principalmente su Accademia Infinita.

Resta aggiornato

Ricevi le nostre news e un promemoria via email prima delle meditazioni collettive.

Cos’è Aikyam?

Aikyam è una visione, un progetto e un modo di vivere. E’ un’alleanza di coscienze unite per stimolare il cambiamento positivo sul nostro pianeta, nutrendo una visione spirituale aperta e libera da dogmi.
Aikyam nasce per riunire tutti coloro che riconoscono nella coscienza collettiva il più potente strumento di trasformazione a nostra disposizione, e desiderano usarlo per amore della diversità, della libertà, della condivisione e dell’armonia.

Dimmi di più