Nel corso della nostra vita, chi o più o meno presto, impariamo ad indossare la nostra personale armatura per proteggersi dal mondo. Spesso iniziamo a forgiarla già da molto piccoli, quando la vita incomincia ad impartirci le prime grandi lezioni di vita che ci siamo scelti. E poi incominciamo ad indossarla altrettanto presto nel corso della vita, imparando nel tempo a portarla talmente bene da far credere a noi stessi, che quell’armatura lucidata di zecca siamo noi.

Ma arriva un certo punto della vita, che impariamo lentamente a togliercela, e anche se questo fa un gran male e all’inizio cadiamo e ricadiamo in questo tentativo, in cuor nostro sappiamo che quella è la strada giusta… è la strada del cuore.

Non c’è mai una via facile quando si parla di debolezze umane, ma… secondo me, e soprattutto se questo risuona con la tua essenza… diventa nel corso della vita sempre più importante imparare a non proteggersi, perchè quando sei nella tua verità, nella verita di chi sei… con tutte le tue debolezze, i graffi sul cuore e i tuoi più grandi dolori che sembrano squarciarti il petto in due… in quell’autenticità di te stesso, non esiste parola che l’altro possa dire per farti del male. Quando vai davanti all’altro col cuore completamente nudo e senza difese, ma con il semplice intento di mostrarti in tutto ciò che sei, anche tutto quello che fin troppo spesso etichettiamo come pericolose fragilità, e anche se l’altro non ti accoglie, anche se non spalanca le porte del cuore come stai facendo tu, anche se si difende più o meno bruscamente o ti distanzia, ti renderai conto che non esiste azione o parola pronunciata che possa veramente ferirti.

Perchè tu lì sei nella tua essenza e questo vedrai che ti renderà invincibile. Lì sei nel tuo centro, sei nel cuore, sei… in tutta la tua forza! E forte lo sei, oh si che lo sei… e ti ci senti anche! Perchè quando mettiamo sul davanzale tutte le nostre fragilità, donandole la luce di quell’amore, tu le fai risplendere, tu le fai diventare la forza più grande che muovono quel delicato e prezioso ingranaggio del cuore.

Ed è lì, che per me, inizia la guarigione… quando a cuore nudo andiamo davanti allo specchio di noi stessi e anche se il cuore batte o le gambe tremano ci togliamo l’armatura e ci mostriamo in tutta l’autenticità che siamo e che in quel momento portiamo. Di cosa hai maggiormente paura? Vai e fallo, perchè lì è nascosta la preziosa chiave che apre le porte della tua verità. Spesso ci sentiamo estremamente confusi o ansiosi solo perchè non ammettiamo a noi stessi che dobbiamo semplicemente prendere il coraggio in mano di fare proprio quello che ci fa paura.

Seguire la strada del cuore è la cosa che fa più paura agli esseri umani, perchè seguirla spesso richiede di mettersi a nudo, e questo mettersi a nudo significa diventare vulnerabili. Ma sinceramente non ho mai visto un cuore disarmato che non abbia vinto la sua battaglia più importante, che non abbia fatto scendere su di sè il balsamo della sua verità quando si mostrava fiero senza elmetto. E non ho mai visto quel balsamo scendere e bruciare ancora di più le ferite, anzi… ho visto che scendendo andava a rigenerare come acqua fresca tutte le fratture che esso conteneva. Perchè, ancora una volta, a quel cuore non serviva nessuna accoglienza, se non la stessa che esso si stava donando.

Quindi, ancora una volta, quali sono le cose che ti fanno più paura? Vai e falle, una ad una. Magari penserai di non averne il coraggio, magari ti tremeranno le gambe al solo pensiero… ma togliti l’armatura e falle. Falle perchè quello che ne trarrai è semplicemente impagabile. Perchè tutta la guarigione, connessione e consapevolezza che ci troverai è immensa. Perchè tutta quell’autenticità di cui ti vestirai diventerà il tuo più grande coraggio e soprattutto la più grande delle tue forze. E questo perchè non esiste al mondo forza più invincibile della pura forza del cuore.